La cittą - Vie e Piazze
terminale
Piazza dei Priori
immagine Piazza dei Priori
Clicca per ingrandire
Piazza dei Priori (anticamente Platea Major), si trova nella parte più alta dell’antica città romana (Narnia) e lo sarà fino al periodo alto medievale. Qui sorgeva il foro, ancora visibile nei sotterranei della vicina Banca.

Sulla destra, arrivando da via Garibaldi, si erge palazzo Sacripante con interessanti bassorilievi del XIII secolo inseriti nella facciata e le varie riprese di muratura medioevale; segue la Torre Civica con il suo pulpito utilizzato anticamente per la lettura dei bandi, poi palazzo dei Priori, che in epoca medievale era sede delle magistrature cittadine. La chiesa di Nostra Signora di Lourdes, passato l’ingresso a via dei Nobili, ci conduce fino alla fine della piazza.

Sulla sinistra superata la banca e via della Pinciana, ci appare in tutta la sua imponenza il palazzo comunale, con a fianco palazzo Calderini; a chiudere, in fondo la fontana eretta nel 1303 ad opera di Marcuccio di Todi e Giovanni di Marco. Essa è a pianta poligonale, composta da venti specchiature in mandorlato rossigno: un marmo rosato con ammoniti. Tra uno specchio e l’altro ci sono delle colonnine in marmo bianco. All' interno c'è una ruota da macina dove è fissato un blocco di travertino sul quale è inserito un fusto di bronzo, sovrastato da una tazza, anch’essa di bronzo. Questa, al di sotto dell’orlo, è ornata da sei teste di animale felino con funzione di cannella e intercalate da sei stemmi con il grifo alato. Proprio sotto l’attacco della tazza si notano quattro cannelle ancora a testa di animale: tre figure di leone ed una di toro.

Piazza dei PrioriLo sviluppo singolare della piazza (fontana posta sul fondo e non centrale) si deve ai numerosi interventi che si sono susseguiti nel corso dei secoli. Anticamente l’accesso avveniva dalla ben più stretta via del Fondaco rispetto all’attuale via Garibaldi. La via fu allargata ad inizio ‘900 modificando i palazzi posti sul lato dell’attuale teatro, (che in pratica furono tagliati). Il palazzo della Banca è di epoca fascista ottenuto ristrutturando quelli che la tradizione ricorda come magazzini e granai. Attraverso lo studio degli statuti cittadini e delle carte della curia si è potuto stabilire l’esistenza della chiesa di S.Salvato (attuale palazzo Calderini) che di fatto chiudeva la piazza antistante il Palazzo del Podestà. Quindi la fontana probabilmente faceva parte di una piazzetta ben più piccola posta dietro la chiesa, da cui si accedeva alla parte bassa della città.


In questa piazza si corre la corsa all'anello storica durante festeggiamenti in onore di San Giovenale. Nel periodo Medievale essa veniva svolta lungo la via del Fondaco.

Corsa all'Anello
terminale
Galleria Foto
terminale
Parco fluviale delle Gole del Nera
Parco fluviale delle Gole del Nera
Galleria Video
terminale
immagine video
play video