La storia di Palazzo Eroli, attuale sede del Museo, della Pinacoteca e della Biblioteca comunale di Narni, è legata alla famiglia di cui porta il nome e che lo edificò all’interno del tessuto cittadino attorno alla metà del XVIII secolo.

II Palazzo della famiglia Eroli a Narni.

Appartenuto alla famiglia degli Eroli fino ai primi anni Ottanta del XX secolo, sorge nel centro storico della città, alle spalle dell’antico Palazzo Comunale, lungo l’asse dell’attuale via Saffi, e sviluppa la propria facciata per una lunghezza complessiva di circa 54 metri, a partire dal fianco destro della cappella di San Bernardino, oggi annessa alla Chiesa di San Francesco.

Composto di tre piani sopra il livello stradale e di altri tre al di sotto, occupa una superficie complessiva di circa 2.700 mq.

Ingresso al Palazzo Eroli a Narni

La storia del palazzo.

Finito di edificare nel 1748, anno inciso sul concio posto in chiave di volta nell’arco del portale d’ingresso, Palazzo Eroli insiste nel luogo in cui sorgeva l’antichissima chiesa di San Martino e altri edifici appartenuti alla famiglia e ad altre famiglie nobiliari di Narni.

Il progetto di riorganizzazione in un’unica grande dimora nobiliare con l’accorpamento dei diversi edifici fu voluto da Pietro Eroli e suo figlio Silvio.

La struttura.

Il prospetto principale del palazzo si presenta in tre livelli evidenziati da sottili cornici marcadavanzali che ne sottolineano l’esclusivo sviluppo in orizzontale. 

Le mostre delle finestre sono semplici e l’unico elemento che distingue il piano nobile dagli altri livelli è la presenza di una semplice modanatura e del fregio liscio sormontato da una cornice rettilinea.

Il portale si inserisce in posizione asimmetrica rispetto al prospetto come a raccordare l’accorpamento dei due distinti complessi di edifici: quello a destra degli Eroli, quello a sinistra dei Cardoli-Alberti.

L’androne si divide in tre campate con volte a crociera ribassate e lo stemma Eroli in chiave.

Sulla sinistra, oltre l’accesso alla biglietteria e al bookshop, un portale del Quattrocento fa da ingresso all’ala, un tempo, Alberti-Cardoli. 

Sulla destra si innalza, invece, la monumentale scalinata che porta al piano nobile.

Attualmente l’edificio ospita:

Palazzo Eroli

Indirizzo

Via Aurelio Saffi, 1, 05030 Narni TR

CONTATTI
ORARI E BIGLIETTO MUSEO
  • da aprile a ottobre:
    • da martedì a domenica 10.00-19.00
  • da novembre a marzo:
    • da martedì a domenica 10.00-18.00

(ultimo ingresso 45 min. prima della chiusura)

BIGLIETTO MUSEO: intero € 6,00 / ridotto € 4,00

NARNIA PASS (Palazzo Eroli + Rocca Albornoz + Audioguida): € 9,00

ORARI BIBLIOTECA
  • da aprile a ottobre:
    • da lunedì a venerdì 9.00-19.00
    • da sabato a domenica 10.00-19.00
  • da novembre a marzo:
    • da lunedì a venerdì 8.15-18.00
    • da sabato a domenica 10.00-18.00
DOVE PARCHEGGIARE

Lasciare l’auto presso il Parcheggio del Suffragio, salire in ascensore fino in via Garibaldi raggiungendo piazza dei Priori, poi via Saffi.

Scopri Narni

Continua a passeggiare insieme a noi scoprendo cosa vedere all’interno delle mura di Narni.

Oppure scopri i punti di interesse di Narni e del suo territorio.

Esterno del Palazzo Scotti di Narni, visto da Via Mazzini
Città di Narni

Palazzo Scotti

Palazzo Scotti, una delle opere di architettura civile più imponenti di Narni, sorge sul lato ovest di via Mazzini, a poca distanza da Santa Maria

scopri i dettagli

Comune di Narni

Piazza dei Priori, 1 – 05035 Narni (TR)

Tel. 0744.7471 Fax 0744.715270

P.IVA 00178930558 IBAN IT40G0631572711000080000325

Posta certificata: comune.narni@postacert.umbria.it