Posto a 112 metri di altezza su uno sperone che domina l’omonimo lago e Oasi naturalistica, San Liberato è la frazione più a meridione nel territorio di Narni a confine con Orte.

Il borgo di San Liberato al confine col Lazio.

Il castello e il borgo si svilupparono attorno alla torre di avvistamento quadrata che, ancora oggi, caratterizza l’abitato.

Le prime notizie certe si hanno a partire dal 987 per le contese in merito al suo territorio.

Furono i monaci di Castel Sant’Elia, una volta acquistato il poggio, detto anche Vico Mestriano, a edificare la Chiesa di San Liberato Abate e Martire e un piccolo monastero.

Si parla del borgo a proposito di un episodio della guerra tra Martino V (1417-1431) e suo nipote Antonio Colonna che aveva il suo dominio ad Orte quando molti uomini rimasero uccisi o feriti per mano delle milizie guelfe.

La torre di San Liberato

Cosa vedere nel borgo e nei suoi dintorni.

Emerge ben visibile la torre di avvistamento a base quadrata completamente inserita all’interno dell’abitato e poco distante la chiesa parrocchiale.

A poca distanza un bacino artificiale per usi idroelettrici, l’Oasi di San Liberato rompe oggi il cammino del Nera ed è un luogo prediletto dagli uccelli migratori.

San Liberato

Indirizzo

San Liberato – 05035, Narni

La piccola frazione si trova a confine col Lazio e può essere visitato con una passeggiata a piedi.

DOVE PARCHEGGIARE

Si può parcheggiare lungo via del Centro.

 

Scopri Narni.

Scopri con noi i luoghi di interesse più vicini a San Liberato.

Oppure scopri i punti di interesse di Narni e del suo territorio.

Ingresso all'antico castello di Taizzano
Castello

Taizzano

Lungo la via Tiberina, prima di costeggiare il tratto dove il Nera forma le sue famose gole, come sospeso sul borgo di Stifone e i

scopri i dettagli

Comune di Narni

Piazza dei Priori, 1 – 05035 Narni (TR)

Tel. 0744.7471 Fax 0744.715270

P.IVA 00178930558 IBAN IT40G0631572711000080000325

Posta certificata: comune.narni@postacert.umbria.it