Distante 14 km da Narni e adagiato su un’altura di circa 600 metri raggiungibile attraverso un percorso tortuoso di grande interesse paesaggistico, il Sacro Speco Francescano sorge sui luoghi dove Francesco soleva ritirarsi in preghiera ed è uno dei santuari più importanti d’Italia.

Il Sacro Speco di San Francesco, un luogo ricco di spiritualità e suggestione.

Proveniente a piedi da Stroncone insieme ad alcuni suoi fratelli, San Francesco giunse in quello che era conosciuto come Eremo di Sant’Urbano, fondato dai benedettini due secoli prima, nel 1213.

Da allora si ritirò spesso in questo luogo di pace e silenzio per pregare e meditare in solitudine in una delle grotte (ovvero “speco”) utilizzate dagli eremiti.

Fu qui che, secondo la tradizione, ascoltò la musica della cetra suonata da un angelo e, in un’altra occasione, trasformò l’acqua attinta dal pozzo – tutt’oggi visibile – in vino, come ci raccontano “i Fioretti” di Tommaso da Celano.

Il complesso del Sacro Speco di San Fracesco a Narni visto da ripresa aerea

Il santuario francescano di Narni.

Oltre la sacra fenditura nella roccia, il santuario – ancora oggi caratterizzato da un profondo senso di spiritualità e pace – conserva le strutture primitive, come l’Oratorio di San Silvestro, i luoghi in cui dimorò il Santo e il Convento che venne poi edificato in seguito all’opera di San Bernardino da Siena.

Immerso nel verde in una posizione che domina la valle tra il borgo di Sant’Urbano e quello di Vasciano, si giunge al Sacro Speco di Narni percorrendo il “Viale del Perdono”.

Lasciata l’auto nel parcheggio posto a circa 150 metri dall’ingresso si può raggiungere la piccola chiesa edificata tra la fine del Cinquecento e l’inizio del Seicento, a navata unica che conserva un interessante crocifisso ligneo cinquecentesco e un tabernacolo del secolo successivo con colonnine tortili.

Di fianco la chiesa il chiostro quattrocentesco con una splendida vista sulla vallata.

Dal chiostro si può accedere all’Oratorio di San Silvestro, la parte più antica del complesso e principale luogo di preghiera – fino all’arrivo di San Bernardino – di coloro che vivevano nell’eremo. La zona absidata dell’oratorio presenta un affresco del Trecento con il Crocifisso e la Madonna, San Giovanni Evangelista, San Francesco e San Silvestro. All’interno altri affreschi rappresentano Santa Chiara, San Girolamo e Santa Caterina d’Alessandria.

Dietro l’abside il pozzo da cui San Francesco attinse l’acqua per il miracolo della trasmutazione in vino.

Il chiostro dà accesso anche al Refettorio di San Bernardino.

Nel piano superiore si aprono le celle del Convento di San Bernardino che ospitò, oltre al Santo, il beato Giovanni Bonvisi da Lucca e il beato Pietro da Rieti.

Salendo nel bosco si può arrivare al Sacro Speco e alla chiesetta a lui dedicata che nella semplicità del suo interno presenta due affreschi che raccontano il miracolo del vino.

In una cella è ancora custodito il letto in cui riposò il Santo durante la malattia e, di fronte, la “colonna dell’Angelo”.

Sul prato antistante un castagno centenario che, secondo tradizione, cominciò a germogliare quando San Francesco piantò il suo bastone prima di ripartire.

Il Cammino dei Protomartiri Francescani.

Il suggestivo percorso del Cammino dei Protomartiri Francescani, nella sua seconda tappa – da Stroncone a Calvi dell’Umbria – passa presso il Sacro Speco nel territorio di Narni terra terra di Sant’Adiuto, protomartire francescano.

Sacro Speco di San Francesco

Indirizzo

140, Strada Narni Sant’Urbano, 05035 Narni TR

CONTATTI

Il Sacro Speco di San Francesco – Eremo di Sant’Urbano – è visitabile tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.00

DOVE PARCHEGGIARE

Si consiglia di parcheggiare l’automobile nei pressi dei resti del Parcheggio del Sacro Speco di San Francesco, a circa 150 metri dal convento, vi accoglierà una statua del Santo di Assisi

Scopri Narni.

Scopri con noi i luoghi di interesse più vicini al Sacro Speco di San Francesco.

Oppure scopri i punti di interesse di Narni e del suo territorio.

Vista aerea dell'Abbazia di San Cassiano a Narni
Abbazia

Abbazia di San Cassiano

Edificata, in una posizione difficile da raggiungere, sulle pendici scoscese del monte Santa Croce, l’Abbazia Benedettina di San Cassiano è una struttura fortificata che domina

scopri i dettagli
Epigrafe all'interno dell'Acquedotto della Formina di Narni
Cosa Vedere

Acquedotto della Formina

Testimonianza dell’eccellenza idraulica e ingegneristica romana, l’Acquedotto della Formina è un complesso di cunicoli, ponti e trafori che corrono per 13 km in pendenza costante,

scopri i dettagli

Comune di Narni

Piazza dei Priori, 1 – 05035 Narni (TR)

Tel. 0744.7471 Fax 0744.715270

P.IVA 00178930558 IBAN IT40G0631572711000080000325

Posta certificata: comune.narni@postacert.umbria.it