Il meraviglioso castello di Itieli, immerso in un ambiente naturale e paesaggistico di notevole suggestione, sorge sul crinale di un monte a quasi 600 metri d’altezza in una insenatura dei monti che dominano la valle Ternana.

Itieli, il castello delle Indusse.

Oasi di pace e tranquillità immersa nella natura, diviene mèta di molte famiglie durante l’estate e un luogo piacevole dove vivere tutto l’anno.

Castello che merita di essere visitato e vissuto, per la qualità dell’aria, per la sua posizione e per i panorami che si susseguono girando per il centro storico.

Ingresso al castello dei Itieli dalla porta difesa dalla torre degli aimuccis

Le origini di un castello di confine.

Non abbiamo notizie certe in merito alla fondazione di quello che, in documenti del XIII e XIV secolo, è conosciuto come Castrum Ithiulorum (ovvero Castello degli Itieli).

Come si evince dagli Statuti, fu sempre sotto l’influenza di Narni e, da questa, ritenuto strategica per il controllo dei confini con Terni.

Cosa vedere nel centro storico e nei dintorni.

Anche se in gran parte degradato allo stato di rudere o manomesso da trasformazioni successive, si può ancora leggere l’originario e imponente impianto di difesa: cinta muraria, torri, fortificazioni, che si possono datare XIII-XIV secolo. 

Ma prima di giungere presso le mura, dalla strada che viene da Narni ci accoglie la piccola edicola della Madonna della Neve – festeggiata ogni 5 agosto. La piccola cappella è quanto resta di una chiesa ascrivibile alla metà del Seicento, periodo in cui Itieli vide una fioritura artistica grazie anche al giubileo del 1650.

La porta d’ingresso si trova a valle, difesa dalla Torre degli Aimuccis – dal nome di una delle famiglie più antiche che accamparono diritti sul castello. Al suo interno è ancora visibile il pavimento in pietra originale, sostituito poi in parte da quello in cotto.

Risalendo i vicoli, accompagnati da costruzioni medievali e panorami mozzafiato, si giunge prima alla piazzetta delle Antusse (o Indusse), poi fino in cima alla piazza che ospita la Chiesa di San Nicola.

Interessante scoprire la ricostruzione di una catapulta medievale e la presenza di un piccolo mortaio puntato a valle, come a indicare le armi che un tempo difesero queste terre di confine.

La tradizione delle Intusse nel terzo fine settimana di maggio.

Il termine intussa (o ‘ntussa) deriva dalla parola greca anthus (ovvero “fiore di fuoco) che si riferisce a particolari fiaccole che vengono accese per accompagnare la processione del sabato sera in onore di S. Nicola, festeggiato ogni anno il terzo fine settimana di maggio.

Un grande fuoco viene acceso sulla spianata soprastante l’imbocco del giro del monte Censo e tutti coloro che partecipano alla processione vi accendono la propria indussa.

La suggestiva processione notturna, chiamata Intussata, illumina il monte Censo e rinnova una tradizione antichissima che finisce col ritorno e la consegna delle famose ciambelle all’anice (o “ciammelle” in gergo locale).

La tradizionale Itussata, processione sul monte Censo con i fiori di fuoco ai Itieli

Il Giro del Censo.

Il Giro del Censo è una passeggiata di circa 1,2 chilometri che si snoda intorno alla quasi sommità dell’omonimo colle nella sua interezza, a due passi dai Itieli. 

Il percorso si snoda attraverso un bosco ed è caratterizzato sia da segnali che indicano le specie botanica che si incontrano, sia da particolarissime opere che accompagnano chi cammina in un mondo di arte e fantasia.

Itieli

Indirizzo

Itieli – 05035, Narni

Il castello è visitabile a piedi tutto l’anno.

DOVE PARCHEGGIARE

Si può parcheggiare nel punto più alto, sul retro della Chiesa di San Nicola e, da lì, raggiungere a piedi la piazzetta delle Andusse.

 

Scopri Narni.

Scopri con noi i luoghi di interesse più vicini a Itieli.

Oppure scopri i punti di interesse di Narni e del suo territorio.

Esterno della Chiesa di Santa Pudenziana in località Visciano di Narni
Cosa Vedere

Terre di Narnia

Castelli, borghi, abbazie ognuna con la propria storia, ognuna con le proprie tradizioni ma unite in un’unica orgogliosa terra, quella che compone le Terre di

scopri i dettagli
La torre di San Liberato
Castello

San Liberato

Posto a 112 metri di altezza su uno sperone che domina l’omonimo lago e Oasi naturalistica, San Liberato è la frazione più a meridione nel

scopri i dettagli

Comune di Narni

Piazza dei Priori, 1 – 05035 Narni (TR)

Tel. 0744.7471 Fax 0744.715270

P.IVA 00178930558 IBAN IT40G0631572711000080000325

Posta certificata: comune.narni@postacert.umbria.it